Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Dellino Farmer

Si spoglia si riveste

(DellinoFarmer /Rinaldi/ Tedoldi)

E' la campagna la mia compagna, si spoglia e si riveste col cambiar delle stagioni, è la campagna la mia compagna, profumi e suoni lei generatrice d'emozioni, è la campagna la mia compagna si spoglia e si riveste col cambiar delle stagioni è la campagna la mia compagna, profumi e suoni lei generatrice d'emozioni.

Eccomi so nel posto, la sagra del dialèt, te porta zò dò broche, me mete tot al rèst, g'he chi sa met an mès, g'he chi sa piassà en banda, paesi e frazioni, sa met an pè la dansa, ga òl costansa e lena, ampertegà la s'chéna, portà per be la bèna, la tèra l'è presiusa, cosa vòl di n'surnà, cosa vòl dì rescià, se la stagiù l'è seca, g'he zà tot dè rifà.. E lento il tempo scorre sopra le nostre teste, il suono di campane, le note delle orchestre, il tiepido tepore, delle giornate al sole, le scarpe consumate, nemmeno più le suole. E me e me tàl dizé a tòcc, forse perché so còtt, le strade de la vita, le ma riporta che, comunque l'andarà, te pensa a la salute, per tote le domande, la risposta l'è..

Rit.

E quan che sìe gnarèlo, sa faà le scampagnadé, con de le bici rote, ghéra le case maté, la Luna silensiusa el casutì de lègna, le more n'sima i dìcc, e tèpp chél vùla vià, sa spèta le vacanse, sa scurta le distanse, quan'che fénes la scòla, sa tasta le pietansé, le feste de contrada, andòm a fa seradà, chi portarà de beèr, chi porta de majà.. E chi si sente solo potrà venire fuori, la compagnia non manca ammazza i malumori, il vento nella faccia, ragazzi vanno a caccia, in strada o nella piazza, era la verità.. E quindi chi spalègia, el fa piazèr el vota, come la gradesèla, quando l'è bela ùta, e quindi n'cò l'è nada doma l'è n'altèr de, in caso de bisògn, notèr sòm sempèr che.

Rit.

Tu vivi in me, inutile negare se non penso a te, ma dammi una ragione che ci proverò, e questo ciò che voglio ciò che posso fare.. Tu pensi che lontano nello spazio tutto cambierà, ma vivo nel presente questo è ciò che ho, ricordi sottopelle caldi da toccare. E ghèra le balteghé le malmostùse bèghe, le facìe forestére, i zòcc sensa frontière, al càn de l'ua passà, le gite ne la bassa, la zènt stipada en piassà o sota i curnisù, e come l'è cambiada ignù per la so strada, chi l'è riàt chi vaga, chi pò turnàt a casa, varde le foto e pense, comunque che l'è nada, finché g'he pace  n'tèra, forse l'è mei issé.

PARTI TRADOTTE:

Eccomi sono nel posto, la sagra del dialetto, tu porta giù due brocche io metto tutto il resto, c'è chi si mette in mezzo, c'è chi se ne sta da parte, paesi e frazioni, si mette su la danza, ci vuole costanza e lena, raddrizzarsi la schiena, portare bene il mezzo, la terra è preziosa, cosa vuol dire seminare, cosa vuol dire rischiare, se la stagione è secca c'è tutto da rifare [..] E io ti parlo a pezzi, forse perchè son cotto, le strade della vita mi riportano qui, comunque che vada, tu pensa alla salute, per tutte le domande la risposta è.

RIT.

E quando ero ragazzino, si facevan le scampagnate, con le bici rotte, c'eran le case matte, la luna silenziosa, il casotto di legno, le more sulle dita e il tempo che vola via, si aspettavan le vacanze, si accorcian le distanze, quando finisce la scuola, si assaggian le pietanze, le feste di contrada, andiamo a far serata, chi porterà da bere, chi porta da mangiare [..] E quindi chi spalleggia, fa piacere, aiuta, come la graticola, quando è bella unta, e quindi oggi è andata, domani è un'altro giorno, in caso di bisogno, noi siamo sempre qui.

RIT.

[..] E c'eran le altalene la malmostose beghe, le faccie forestiere, i giochi senza frontiere, il can dell'uva passa, la gente stipata in piazza o sotto i cornicioni, e come è cambiata ognuno per la sua strada, chi arrivato chi vaga, chi più tornato a casa, guardo le foto e penso comunque sia andata, finchè c'è pace in terra, forse è meglio così!


GLI STRANI EFFETTI DEL CLIMA

(Testo/musica Dellino Farmer - Rinaldi - D'Annunzio)

Me völe un bel sul la matina mia semper la ghèba o la brina

quand fiòca el tràfek sa bloca el sul söla spiagia ‘l ta strina

epure la zènt sa lamenta i strani efeti del clima

sarà perché l’è mai contenta i dis che sa stàa mei prima

Sa sta come d’autunno le fòie söle piante * sa sta come d’inverno le roie söla tange

rànget i ta dis quand che ta set gnaro ciapàla ndele fete che l’è mia tat raro

Giacom l’è storàt el l’ha molàt la so murusa al varda ‘ncagnàt töcc chei che i la ‘ncrùza

per la strada o per la me contrada Tone l’è contet perché al s’è pagat al mutuo dela casa

l’è ‘na giornada fresca per chi ga töt la fresca gh’è chi come Gioàn sarà dez agn disocupat

e po’ gh’è chi ‘l la res-cia cole panete ‘n piassa quata zènt gó cunussìt che po’ i s’è facc becà

Maria la speta ‘l pópo al ters dela famiglia Arturo pe’ sta bé el ga de ciapà zó ‘na pastiglia

Luchino sta benone ‘st an al taca a fa la prima me ‘nvece ió finide la pagela l’era bela però…

RIT.

Sara ‘na porta che sa derf un purtù al ma l’ha dit Eugenio seramentista e maringù

de strade ghe n’è tante ma l’è giöna chela giösta al ma l’ha dit Batista capo zona dela posta

me so chel che se dis un brao gnaro edücàt però le brae s-cète a me le m’ha mai cagàt

Anita del Perù, Marina l’è cubana, Miranda l’è spusàda e so sorela Jessy un bel ruiù

bisogna sta ‘n campana come Pierino e Giana la vita la scór mei se te ta set an cana

Machino e Tone ‘n Ghana Fabrisio che ‘l sa dana el ga pirdit töcc i clièncc el te limàda la so lama

la me zènt, bràa zènt, ospitale e nostrana, ma se gh’è de mes du franc vede nassiù che sa scana

mondo balordo che no ‘l sfama piove sul bagnato ed è per questo che…

RIT.

Taci, dalle sponde del bosco non odo parole che dici umane; ma odo parole più nuove,

che parlano gocciole e foglie lontane.

Ascolta. Piove dalle nuvole sparse, piove sulle tamerici

salmastre ed arse, piove sui pini scagliosi ed irti, piove sui mirti divini,

su le ginestre fulgenti di fiori accolti, sui ginepri folti di coccole aulenti,

piove sui nostri volti silvani piove sulle nostre mani ignude,

sui nostri vestimenti leggeri, sui freschi pensieri,

che l’anima schiude novella sulla favola bella,

che ieri t’illuse, che oggi m’illude

o Ermione.°

TRADUZIONE:

Io voglio un bel sole il mattino, non sempre la nebbia o la brina, quando nevica il traffico si blocca, il sole sulla spiaggia ti brucia eppure la gente si lamenta, gli strani effetti del clima, sarà perché non è mai contenta, dice che si stava meglio prima.

Si sta come d’autunno le foglie sulle piante, si sta come d’inverno le troie sulla tange, arrangiati ti dicono quando sei ragazzo, prenderla nel didietro non è mai troppo raro, Giacomo è depresso, la lasciato la ragazza, guarda in cagnesco tutti quelli che incrocia per la strada o per la mia contrada, Antonio è felice perché s’è pagato il mutuo della casa, è una giornata fresca per chi ha preso lo stipendio, c’è chi come Giovanni sarà da dieci anni disoccupato, e poi c’è chi la rischia con la droga in piazza, quanta gente ho conosciuto che poi si è fatta beccare, Maria aspetta un bambino il terzo della famiglia, Arturo per stare bene deve assumere una pastiglia, Luchino sta benissimo quest’anno va in prima, io invece l’ho finita la pagella era bella però..

RIT.

Special (Gabriele D’Annunzio) "La pioggia nel pineto"


 

La Ö la  Ü

(Testo e musica Dellino Farmer)

 Intro:

Go ést de le vocali con dù Öcc ensìma,

ma g'hè parècia zènt che la sà mia dopràle,

envécie me ga prÖe e ta le mète n'rima e ta le porté fÖra ne le me seràde..

Rit:

Yè tàte le parole bèle de n'parà quan’che parle con dei

veci dei paés lontà, con la Ö con la Ü a portada de mà,

la me boca la jà sgàgna come tòc de pà..

Yè tàte le parole del dialèt nostrà, ta le dise perchè spére de sintìle apò domà, con la  con la Ö co la Ü a portàda de mà, cata fÖra nà vocale senò tùrna a cà.

ST1:

Con la … con la … al ma l'ha mia n'segnat la Merkel, me parle come maje e ga nò mia de tèp de pèrder ….. resta l'grido de bataja de la zènt che come me la g'ha sÖl cò l'capèl dè paja e la parla amò l'dialèt l'è nemica del fighèt con l'aroma de ledàm el portaciàf come podèt, me che reste brao e bù, an sostansa un bonaciù, fam mia girà i turù senò ta pìe l'mÖstaciù, ma che parlèm de la lengua che scriìda l'è diversa, do punti so la O e le la suna zà pò n'versa, però n'giro tata zènt la g'ha gnemò capit en casso.. Pota con la dieresi l'è tò sorèla pÖta casso!

Erùr che gnà a l'asilo, cosa sa vèt an giro, la merda nel servèl e le casadé ne la biro, te ta gà lét an ma alùra fala girà fra tÖcc i to paesà perché....

ST2:

A Brèsa gh'è la rèsa g'hè le prèse che ta prèsa, g'hè l'negrèto che ta strèsa con la zènt fora de mèsa, ogni tàt scatà n'à risa, ta sa sentèt una pèsa, g'hè la zènt che so le strade la g'ha sempèr frèsa, al laurà al laurà, al weekend tÖcc a balà, discoteca bireria l'importante l'è destacà, dopo ria el lÖnedé e la zènt l'è zà stresàda tira mola e tambàla g'hè zà pasada la giornada, ma che n'zona gòm al làcc, chèl de Garda chèl de Isè, fra todèsch e olandés so forestér al me paés, pò g'hè Adèr pò g'hè Idèr mila posti bèi de edèr, al dialèt che quan'che parle so n'casàt opùre aleghèr se sò carìch o sò peghèr, se sò bianc o ròs o neghèr, reste fÖra da la norma sto n'dè l'ombra come i ladèr, sensa pora de nigòt la me vita un'rebelòt con la .. con la .. gà do dentèr de bòt!

RIT.

TRADUZIONE:

Ho visto delle vocali con due occhi sopra, ma c’è molta gente che non le sa usare, io invece ci provo e te le metto in rima e te le porto fuori nelle mie serate..

Sono tante le parole belle da imparare quando parlo con i vecchi dei paesi lontani con la  a portata di mano, la mia bocca le mastica come pezzi di pane, sono tante le parole dei dialetti nostrani, te le dico perché spero di sentirle anche domani, con la la a portata di mano, scegli una vocale sennò torna a casa.

Con la  Ö con la  Ü  non me l’ha insegnato la Merkel, io parlo come mangio e non ho tempo da perdere, Ö - Ü  Resta il grido di battaglia della gente che come me porta ancora in testa il cappello di paglia e parla in dialetto è nemica del fighetto con l’aroma di letame e il portachiavi come roncola, io che resto bravo e buono, in breve un bonaccione ma non farmi girare i coglioni, sennò ti mordo il muso, ma qui si parla della lingua che scritta è diversa, due punti sulla o e lei suona già più incazzata però in giro tanta gente non ha capito un ca**, Pota con la dieresi è tua sorella “single” casso! Errori che nemmeno all’asilo, cosa si vede in giro, la cacca nel cervello e le stronzate nella biro, se la tieni in mano allora falla girare fra tutti i tuoi paesani!

RIT

A Brescia c’è la ressa, ci sono le presse che pressano, c’è il negretto che ti stressa con la gente fuori da messa, ogni tanto scatta un rissa ti senti una pezza, c’è la gente sulle strade che ha sempre fretta, il lavoro, il lavoro, il weekend tutti a ballare, discoteca, birreria l’importante è staccare, poi arriva il lunedì e la gente è già stressata, tira-molla e “tamballa”, già finita la giornata ma qui in zona abbiamo il lago, quello di Garda quello di Iseo, fra tedeschi e olandesi sono straniero al mio paese, poi c’è Adro poi c’è Idro mille posti belli da vedere, il dialetto che quando lo parlo sono incazzato oppure allegro, se sono carico o son pigro, se son bianco rosso o nero, resto fuori dalla norma, sono nell’ombra come i ladri, senza paura di nulla, la mia vita un casino, ma con la Ö con la  Ü la ci do dentro di botto!


Come i panda

(Testo e musica Dellino - Rinaldi)

Anda che Bresa l’e granda, come scüsa?

Anda che Bresa l’è granda, go mia capìt..

Anda che Bresa l’è granda, se ma ‘n che senso?

Anda che Bresa l’è granda, l’è granda..

Anda che Bresa l’è granda, anche se tire drit me gó la bena che sbanda

me dize chel che pense ma fó mia propoaganda, e se parle ‘n dialèt so ‘n estinsiù come i panda Anda che Bresa l’è granda, ogni risposta l’ha ga dènter ‘n otra domanda,

me reste föra zona i ma lassa en banda, e se parle ‘n dialèt so ‘n estinsiù come i panda !

Oohh! A che me so mia to fradèl, gh’è chi suna la campana gh’è chi suna el campanèl,

go mitìt anpé la banda ‘l gruppetto ‘l complès, sarò mia Vasco Rossi però gh’è apò de pès dai..

sö de braì, fóm mia i sofisticàcc, a me i ma caga mal e la ragiù la ga va ai màcc..

parle ‘n bressà, la lengua lombarda, völ mia dì che me vó ‘n giro con dèl scudo e l’alabarda

oohh! Fet aposta o fet debù? Son ‘ndat an ferie an Austria e mi dat del terù,

se serche la murusa i ma dà del marpiù, serche de rilasàm e mi ma dà del lazarù, se serche ‘n pó

de pace i ma da del pacifista, se mete ‘na maina rossa…?

Comunista! Se parle con dei gay i dis che porte ‘l tanga, se parle ‘n dialèt so ‘n estinsiù.Come i Panda!

RIT.

So mia chèl del karaoke e go mia la cover band, sune mia la chitara e so mia a capo de ‘na gang,

se cantàe en napoletà adès giràe l’Italia envece gire le bètole de la bassa bresàna,

so mia indi so mia rock so mia figo so mia bèl, vegne dala campagna e so ‘gnurànt come ‘n torèl,

so mia chèl dela discoteca so mia chel dele palestre reste föra dal circuito pop, liscio e dele orchestre,

incompreso dale radio, inadatto ai grandi eventi, föra dala classifica dei reppettari trendy,

un element atipico e föra dale mode, scaciàt anche dai pusher perché compre gna’ le droghe!

So föra tema e mal capìt, so pö do che fa ‘l nit, cola ricerca dela brogna e la speransa quotidiana

de cagà ‘na Hit, tö sö i to dù, cola bena faga ‘l pieno smòla el freno e dopo..

RIT.

Föra, föra dale bale ciapa ‘l larc, meticcio ‘ncrusàt, praticamente ‘n cà bastàrt,

a me i ma dìs de no, come Dario sò Fo, scaciàt come ‘na piàtola che ta sa taca al còl,

scagàt e föra tema come un pornoattore mòl, sfigàt  e majaure come un bomber sensa gol,

me so föra dal giro, qual giro? Vense mai negòt i ma regala gna’ ‘l tapiro, provinciale per l’HipHop

alternativo per al Folk, consideràt rurale se però nel senso biólk, un derelitto sborlandèl perché

pense chèl che dise e comunque sempèr mei de te che ta sét un scacìafighe!

Anda che Bresa l’è granda, ah se go capìt,

anda che Bresa l’è granda, se ma nel senso che,

anda che Bresà l’è granda, cioè de ampièssa disóm,

anda che Bresa l’è granda l’è granda!


Il Trattorista

(Testo e Musica Dellino Farmer)

Passeranno gli anni ma non mi stanco, pausa di vinello nella pausa pranzo, io non vado a comandare io comando, sono un trattorista e me ne vanto.

Altro che giardino io ho 90.000 piò, fumo l'erba del vicino zero sintetico sono una bestia, non ho Maserati non ho Lamborghini, l'orgoglio degli anziani e la gioia dei bambini, il mio frumento è stagionato, anche fuori stagione non sarà mai pattonato, la mia vita grama, la tua vita stratta, fai la vita loca? Non fare la oca con me.. Con la gente grezza, la vita è una scuola, indosso l'armatura però, ogni giorno perdo 30 piò e quindi no, se le ferie non le ho, se le donne mi mordono, se sono fuori come una riva, finita la festa si ritorna al lavoro, ormai abbiamo fatto il pieno.

RIT: Passeranno gli anni ma non mi stanco, pausa di vinello nella pausa pranzo, io non vado a comandare io comando, sono un trattorista e me ne vanto, e sono carico di legna e pastura, sulla mia strada vado senza paura, il mio carico pesa una cifra e la mia terra è la mia casa.

Il mio idolo è Bud mi piace bere anche la Bud, sono notturno come i gatti non mi vesto con il Frak, sono fedele a ciò che dico non ho palle da dire, resto fuori dalle masse perché sono un paesano, però c'ho il vizio e propino buone sensazioni, piuttosto di ascoltare il liscio mi martello i marroni, la musica per me è come un bel trattore, non ha senso starci sopra se non ha le vibrazioni, hai compreso la caratura, sono perle per porci, credono di essere Tarzan ma sono tarzanelli puzzano come fiammiferi, brutti come budelle e credono pure d'esser belli. Same John Deer Magnum e Landini per fare una ruota del trattore ci vogliono quaranta mini, tutto orgininale dalla radio al cambio sono un trattorista e me ne vanto.

Faccio questa cosa e la diffondo al mondo intero, sono Renato Pozzetto, Renato Pozzetto, 2.0, come diceva De André anch'io lo ripeterò, dai diamanti non nasce niente, è solo dal letame che nascono i fior.


Fos x al lonc

(Testo e musica DellinoFarmer)

1Rit: Gh’è chi parla apèna attraverso l’I-Phon me a la tò età saltae i fòss per al lonc / l’èra n’altra vita dentèr un’alter mònt / me a la tò età saltae i fòss per al lonc..

2Rit: Gh’è chi per merenda ‘l maja tre maxbon, me a la tò età saltae i fòss per al lonc / gh’è chi tira aanti a malox e gaviscon / me a la tò età saltae i fòss per al lònc.

3Rit: Gh’è chi fa mia un metèr sensa takà ‘l tom tom, me a la tò età saltae i fòss per al lònc / l’era ‘n altra vita dentèr un’alter mont…

Traduzione:

C’è chi parla solo attraverso l’Iphon io alla tua età saltavo i fossi per lungo, era un’altra vita dentro un altro mondo.. Io alla tua età saltavo i fossi per lungo. Io alla tua età saltavo i fossi per lungo.

Mani di pietra, con i calli, io d’esperienze ne ho a bagagli, tu che sei fuori come le rogge il tuo cervello è pieno di buchi come il formaggio. Ho fatto la patente per la “bestia blù” m’ingegno per starci con i soldi e la testa, si, però la gente sta sotto se porto le carte si giocano la casa, bruciano la paga alle macchinette e poi si lamentano troppo care le bollette, ragazzi! Selfy bamba e moijto, figure di merda come in Grecia Benito, amico è una menzogna se ripenso a ieri, mi sono collocato per 2000 lavori, non so cos’altro dirti riguardo a ieri ma ho fiducia del futuro quindi guardo i cantieri!

C’è chi per merenda mangia 3 Maxibon, io alla tua età saltavo i fossi per lungo, c’è chi tira avanti a Malox e Gaviscon io alla tua età saltavo i fossi per lungo.. Io alla tua età saltavo i fossi per lungo.

I fossi per lungo il mare per il largo, tu che parli fai un po quello che ti pare, io vado al bar e mi bevo una grappa mi vengono i super poteri divento una scheggia! Io che ho visto la fame e le miserie, tu davanti alla televisione con le serie, persone poco serie che parlano di fatiche, io tiravo a campare tu tiri le righe! Adosso! E’ normale che ti stuzzico, se parlo di social pensano subito alle f**e, la situazione è fuori dalla norma le mie rime fanno gola come il crudo di Parma. Eppure ai tempo, troppo magra, l’acqua dei pozzi e una polenta in dieci.. Comunque dai va tutto bene, saltavo i pasti adesso salto i fossi!

C’è chi non fa un metro senza usare il tomtom, io alla tua età saltavo i fossi in lunghezza, era un’altra vita dentro un altro mondo, io alla tua età…

Io alla tua età saltavo i fossi in lungo.


Scie chimiche

(Testo/musica Dellino Farmer)

To mama ga dit de mia nà fò la sera,  to sia ga dit de mia nà fò la sera,  la tele ga dit de mia nà fò la sera,  la digos ga dit de mia nà fò la sera,  mistero ga dit de mia nà fò la sera, Giacobbo ga dit de mia nà fò la sera, Columbro ga dìt de mia nà fò la sera, Clar Kent ga dìt de mia nà fò la sera, so Focus i dìs de mia nà fò la sera, la Nasa ga dìt de mia nà fò la sera eppure, se me cassé fò l’mus de sera gh’è Lapo che vòl sta fora tota sera perché

Gh’è le scie chimiche, perché i dìs gh’è le scie chimiche..

Come Bruno ta sèt Mars, come Anna sarò Frank, tipo Lapo, selfy e fan, po’ che Ista, sara ‘ngram. Troppa trap, nelle cars, guardo il cielo ma non vedo le stars, parli parli, ma fa sito, Repetto è sparito ma “sei un mito”! Scusa dai se so gnèch, vole la polenta i ma porta ‘l Big Mac, ta sét pié ma ta sét vot, ta pensèt che la musica la sape n’zoch? Meza pinta tòc de bamba, ferie social e ignoranza, anda che gh’è chi ta ja canta, le to rime jè scontade Ryanair comanda, senza clima e senza fiato l’è mia farina del to sac, però ta set anfarinàt. Ada ocio, ocio ada.. La fòm una partidela a fobàl con de Maradona?? Nooooo

Perché gh’è e scie chimiche.

Come on this, is bullshit, I’m afraid me, nobody states it, I’m chose my way, the sky is white or maybe gray or maybe white.. Chimical lines…

Traduzione:

Tua mamma, dice di non uscire la sera, tua zia dice di non uscire la sera, la tele dice di non uscire la sera, la digos dice di non uscire la sera, Mistero dice di non uscire la sera, Giacobbo dice di non uscire la sera, Columbro dice di non uscire la sera, Clark Kent  dice di non uscire la sera, su Focus dicono di non uscire la sera, la Nasa dice di non uscire la sera, eppure se metto fuori il naso la sera c’è Lapo che vuol star fuori tutta sera perché..

Ci sono le scie chimiche, perché ci sono le scie chimiche..

Come Bruno tu sei mars, come Anna sarò “franco”,  tipo Lapo selfy e fan più che Ista sarà un gram, troppa trap, nelle cars, guardo il cielo ma non vedo le stars, parli parli, ma fai silenzio Repetto è sparito ma sei un mito! Pota dai, se sono arrabbiato, voglio la polenta ma mi danno il big mac, tu sei pieno ma sei vuoto, pensi che la musica sia un gioco. Mezza pinta pezzo di bamba ferie social e ignoranza, avanti qui c’è chi te le canta, le tue rime son scontate Ryanair comanda, senza clima e senza fiato non è farina del tuo sacco, però ti sei infarinato, guarda attento attento guarda. La facciamo una partitella a calcio con Maradona?

Perché ci sono le scie chimiche..


Dai, questa è una cazzata, ho paura, nessuno lo dice, ho scelto la mia strada, il cielo è bianco o forse grigio o forse bianco .. Linee chimiche


Welcome to Padania 

(Testo e musica: Dellino Farmer)

Testo tradotto.

(Maestra) Bene, oggi interrogazione di geografia, chiamiamo.. Dellino! Vieni e spiega ai tuoi compagni cos'è la Padania.


Pa-padania, padania, pa padania, padania.. POTA, mi scusi, non saprei com'è andata, io vengo dalla bassa e sono cresciuto sulla strada, mio nonno contadino mi diceva di studiare, però a 14 anni lavoravo già in cantiere. Artigianale io dalla zona più nostrana, 100% by repubblica padana dalla bassa alla valle una favola mondana la Caritas è colma ma l'economia è in canna Ohy qua c'è tutto, non abbiam bisogno di nulla a parte chi, ha svenduto l'appartamento, fra sale slot, amianto e centri commerciali, Welcome to Padania la terra degli affari!
RIT:
Io mi prendo male quando vengo in Padania perchè c'è la cappa e non si vede la montagna, perchè col cemento hanno divorato la campagna, perchè le tue verdure bevono l'acqua della fogna.. Io mi prendo male quando vengo in Padania, io mi prendo male quando vengo in Padania, pensiamo fra ventanni come sarà la Padania...
Str2:
Padania la gente che si lagna, la profe s'incazza e mi chiama alla lavagna, la terra che si bagna, si svuota la campagna, la vita è una tombola col prezzo di una prostituta, dalla pianura alla montagna, si cerca roba buona, la gente senza vergogna, comunque qui si mangia, chi ha la sua compagna, soldi e se la spassa, chi invecie fa la piattola, con la testa dura, è tutto una magagna, col traffico che stressa, la gente che ha fretta, in automobile si arrabbia, lavoro da precario la normalità è un sogno, comunque l'importante sono le birre e la f***.. Fragola.
RIT:
Tu che collassi, troppe tasse, io che mi incazzo, dopo ripasso, gente al tracollo che lavora come schiava, la gioia non ha senso se non viene condivisa, ma la storia qua è così, un'eterno presente, il capannone è vuoto che si frega chi si pente. E dopo tutto non paga chi ha sbagliato ma torniamo per favore qualche istante nel passato. Tutti discendenti della Mesopotamia, antichi reperti trovati in Tanzania, ottimi gli amari prodotti in Lucania.. E noi come le bestie sgobbiamo in Padania! Giro in Padania dove girano i soldi, si spinge l'azienda, si colma l'agenda, la gente è contenta, col pieno di benzina, pagata la battona, mangiata la merenda, e partono le ronde, blocchiamo le rotonde, facciam le sentinelle, pistolettate e bombe, le donne sono feconde, le macchine pronte, un tempo le discoteche davano senso alle serate, agricoltura e campi dal Brenta al Monferrato, kilometri di asfalto hanno coperto il passato, io resto per il sole, i dolci e i miei fan, ma sopratutto perchè c'è Gardaland.
RIT:


Tu lo chiami tiggì 
(Testo e musica Dellino - Rinaldi)

Str 1:
Oggi una troupe è arrivata al mio paese con le telecamere al centro della piazza, tutti i riflettori su quella famiglia triste della quale hanno ammazzato a coltellate la ragazza, il circo mediatico è partito prepotente, e l'intervistatrice fa domande a chiunque, chiede al vicinato, chiede dell'indagato, vuole sapere tutto pure quello che ha mangiato, parte il collegamento con lo studio in diretta, la giornalista in loco vuole approfondire il caso ma la morbosità della gente non aspetta e quindi la convince a ficcare meglio il naso, la musica di piano coi violini in sottofondo preparano un servizio fatto per le casalinghe parole un po sommesse dette in tono assai profondo si espandono nell'etere più delle malelingue. 
Rit:
Ma non mi fido non ci credo io non passo da lì, e ti sorrido non mi siedo sono fatto così, ma quale scoop esclusivo spazzatura in tivvì, e mi fa schifo quella roba che tu chiami tiggì.. 2V.
Str 2:
Oggi compie gli anni quella vacca incoronata che per asciugarsi il culo usa la seta pregiata ha più neve che al gaver ha più immobili dell'Aler, e i media la dipingono per la regina mother. Nemici della noia, la faccia del boia, d'inverno c'è il cappotto, d'estate c'è la stuoia, un mare di banalità stronzate e qualunquismo questa tele mi fa schifo come la mafia e il bullismo ho capito il vostro gioco, da viscidi avvoltoi, un notiziario retto da voci di corridoi, inutile squallore da scenografia di carta cazzo vuoi che me ne freghi Lady Diana ormai è morta e se tornasse in vita vi darebbe fuoco a casa, la vostra propaganda tossica la gente sfasa, rincoglionite peggio della bamba ammoniacata, correte sul binario delle news di facciata. Merde.
(Rit).
Str 3:
Oggi è come ieri tutti i giorni sono uguali, le stelle in cielo le onde nei mari, politici che rubano qualcuno che uccide, qualcuno piange, qualcuno se la ride, e tutto scorre come se fosse un fiume, le tue parole leggere come piume nell'aria, malaria, che storia, a breve termine memoria, quanto sei ridicolo se pensi che sia vero tutto quello che ti dicono se tutto vale zero, zero! Senza nulla davanti, notizie per coprire i potenti i giganti, o per sfamare gli ignoranti, dando notizie travolgenti, fare marchette mendicanti, nel vuoto immenso degli utenti.
(Rit).


Sa tromba mai 
(Testo e musica Dellino Farmer)

Str 1:
Tòcc i pensa che a fa l'artista giù l'tromba de bestia, la storia l'è un po strana ma l'è mià propès issé, a me le gnare le ma piàs le forme i profumi, quan'che jè smodandàde so la spiagia coi costumi sono amante degli ortaggi, esempio la patata, le bèle brògne provocanti, la casalinga disperata, me so an galant'uomo anche detto gentlemen, un fuoco di passione se ma pàrt al sentemènt, ormai adèss g'he feisbuc i social e le chatt, conossèr le gnarèle l'è facìl l'è immediat, però al grosso rischio chèl de resta n'po n'cùlacc, le ta sa n'cola a vita o le ta fa pagà, me nò cunusìt de tipe, parecié jo n'vidade fòra, confidaè n'dè n'à serada de pòra, envéce per sìcc ùre a ciciarà so la me bèna, so gnà rìat a fa n'à camporèla!
(Ritornello)
Dèrve l'me feisbuc, 46 mesagi, sorrisi e quoricini, però sa tromba mai e damm a tò nomér, pò tarde che ta ciàme, sa fòm an giro n'centro, però sa tromba mai!
Str 2:
Go mai capìt che senso ga sta le a menàla so la ciàtt, mandàss bacini e cuoricini sensa gnà po mai becàss me so che, ché son'veràt go l'servèll che ma s'ciopà, lé l'è a baita en modandine, go la foto che n'dirèta, però la ga l'murùs, però le ocùpada encò l'è vià coi sò, domà l'è n'gabolada, un dé col mal de cò, un'altèr l'è n'casada, adèss la ga mia oja, pò tardé l'è maladà! Ogni scusa l'è testada quando la vòl mia sganciala, g'hè mia metodo gné formula gné prassi congeniada g'hè mia chimica gné mimica gnà co la sfera magica bisogna rasegnàs e ciapà en mà la situassiù.. Ghè mia altra sulussiù, bisogna fàs al càll, pasiensa l'alstinensà l'è na robà che fa mal, e quaté le illusioni e i sogni erotici de nòt da la maestra de le medie ai pomeriggi so youporn ma..
(Rit).
Sa ciciàra sa ciciàra mai n'à òlta che i la dà, misteriusa come gli ufo leggendaria come l'Graal, una òlta un me socio ll'ha pagàda 100 euro, el bèl le che per fàl el ga ciapàt apò l'aereo, g'he zènt che la ga fàt anche l'mutuo per le brògne, i ga compràtt n'à bèna noa, jè n'dàcc a stà a Cogne, g'hè zènt che per montà jè n'dàcc a Cuba o n' Thailandia, an certe religiù se ta sèt martèr i ta na da 70! Envecìe so la tèra la stòria sempèr chèla, g'hè zènt che per la brogna, l'è n'dada anche n'guèra, te n'vecie sò la ciàtt, pensaèt fosès bèl, ta ghèt pagàt na cifra per menàt amò l'osèl, storie strane ma l'è issè, ga lo sempèr nei pensèr, la cossà l'è la cossà el ma la dìt anche l'bechèr, comunque l'è precìss, contentèt den bèl kiss, in caso di precocità l'è garantito l'biss!
(Rit).